Make your own free website on Tripod.com


Giuseppe Ungaretti

Home
Giuseppe Ungaretti
Silvya Plath
Charles Bukowski
Ezra Pound
Rainer M. Rilke
S. Quasimodo
Dylan Thomas
Arthur Rimbaud
Dino Campana
Thomas S. Eliot
Allen Ginsberg
Bertolt Brecht
V. Majakovskij
Wystan H. Auden

 

 
Ungaretti

 

GIUSEPPE UNGARETTI

Nacque il 10 febbraio 1888 ad Alessandria d'Egitto . Nel 1912 si trasferì a Parigi per frequentare la Facoltà di Lettere alla Sorbona . Immersosi con entusiasmo nell'effervescente e variegata atmosfera culturale della capitale francese , strinse ben presto profondi legami di amicizia con alcuni tra i protagonisti più importanti della scena artistica e letteraria europea : in particolare , ricordiamo i poeti Apollinaire , Papini , Palazzeschi e i pittori Picasso, De Chirico e Modigliani . Allo scoppio della prima guerra mondiale rientrò in Italia per partecipare alla campagna interventista . Dopo la dichiarazione di guerra all'Austria partì per il fronte in qualità di soldato semplice e combattè sul Carso . Dall'esperienza della guerra le liriche del PORTO SEPOLTO ( 1916 )  , che in seguito sarebbero state inserite nella raccolta ALLEGRIA DI NAUFRAGI ( 1919 ) , ripubblicata a sua volta nel 1931 in edizione definitiva col titolo L'ALLEGRIA . In questa sua prima raccolta Ungaretti si proponeva di recuperare la " verginità " della parola poetica , rifiutando le " pompose vuotaggini dell'onda oratoria " o i " vagheggiamenti decorativi ed estetizzanti " , spinto a ciò dalla dolorosa esperienza della guerra che spingeva ogni soldato , " alle prese con la cecità delle cose , con il caos , con la morte " , a ricapitolarsi " dalle origini , stretto a risollevarsi nella fragilità umana " .  Finita la guerra , Unagaretti ritornò a Parigi ove lavorò come impiegato all'ambasciata italiana . Nel 1920 si sposò con Jeanne Dupoix , dalla quale avrebbe avrebbe avuto due figli . Trasferitosi a Roma , lavorò a partire dal 1921 presso l'Ufficio stampa del Ministero degli Esteri , dedicandosi nel contempo con rinnovata energia all'attività letteraria , come testimoniano le numerose poesie pubblicate su varie riviste italiane e francesi , poi riunite nel volume SENTIMENTO DEL TEMPO ( 1933 ) , che segna il suo passaggio dalla poetica della " parola pura " all'ermetismo , ma anche l'approdo alla fede , sancito dal 1928 dal ritorno in seno alla Chiesa Cattolica . Dal 1936 al 1942 insegnò letteratura italiana all'Università di San Paolo del Brasile : fu durante questo soggiorno che perdette tragicamente il figlio Antonietto , morto a soli 9 anni per le complicazioni insorte in seguito ad un intervento chirurgico . Tornato a Roma , venne nominato Accademico d'Italia ed ottenne la cattedra di Letteratura moderna e contemporanea all'Università La Sapienza . Agli avvenimenti in questo periodo appartengono le poesie pubblicate nella sua terza raccolta , IL DOLORE , ( 1947 ) cui fecero seguito LA TERRA PROMESSA ( 1950 ) , UN GRIDO E PAESAGGI ( 1952 ) e IL TACCUINO DEL VECCHIO ( 1960 ) L'ultima fase della produzione poetica di Ungaretti è caratterizzata da un progressivo ritorno alle forme metriche tradizionali e dalla dolente meditazione sulla storia umana , all'interno della quale si inscrive sempre quella sulla propria esperienza di individuo .

 


torna alla home