Make your own free website on Tripod.com


Silvya Plath

Home
Giuseppe Ungaretti
Silvya Plath
Charles Bukowski
Ezra Pound
Rainer M. Rilke
S. Quasimodo
Dylan Thomas
Arthur Rimbaud
Dino Campana
Thomas S. Eliot
Allen Ginsberg
Bertolt Brecht
V. Majakovskij
Wystan H. Auden

 

 

Silvya Plath

Silvya nasce il 27 ottobre 1932 vicino a Boston da padre tedesco e madre austriaca. I primissimi anni di vita, come ricorderà, anni struggenti e bellissimi vissuti al centro esatto di un tenero universo composto da genitori e nonni e dalla "culla acquea" dell'Oceano Atlantico. Ma è un paradiso che ha vita brevissima. A dissolverlo ci pensano, prima, il fratellino Joseph Warren che nasce quando Silvya ha tre anni scatenando tutta la sua gelosia, e cinque anni dopo un padre che muore stupidamente per un diabete non curato. Da questo momento in poi si farà evidente uno dei tratti più caratteristici della psicologia divisa e tormentata di Silvya: la disperata ricerca del consenso, l'estremo bisogno di conquistare l'attenzione di chiunque, l'ansia di essere sempre la più bella e la più brava. I suoi strumenti di seduzione saranno l'immancabile rossetto rosso fuoco, le tinture biondo platino, la cura per il corpo, i vestiti e, sopratutto la scrittura e lo studio.
La vocazione letteraria è infatti precocissima, e a soli otto anni e mezzo scrive la sua prima poesia che si merita la pubblicazione nelle pagine del "Boston Herald". E' l'inizio di una carriera sfavillante di piccoli e medi successi: non c'è poesia o racconto che non venga premiato o pubblicato.

Gli anni tra il 1951 e il 1953 sono anni di forti depressioni, segnati da due tentativi, quasi riusciti, di suicidio, cui seguono ripetuti ricoveri in cliniche psichiatriche, devastanti e barbari elettroschok ma anche l'inizio di una nuova terapia con la giovane psichiatra Ruth Beuscher che resterà un sostegno prezioso anche in seguito. Nel 1954 torna all'Università, dove in breve tempo recupera tutta la sua forma accademica con una tesi su Dostoevskij ottenendo il massimo dei voti e una lode. Ma, sopratutto, riceve la notizia della sua amissione a Cambridge. Nel frattempo anche la sua vita sentimentale conosce una nuova fase. Incontra Ted Hughes in un Pub, alla festa dell'inaugurazione di una festa studentesca. Silvya e Ted diventano "misticamente" una persona sola.

Altre notizie e le opere di Silvya Plath le potrete trovare al link del suo nome.

 


torna alla home